Make Fashion Not War, fashion editorial on Vogue Bambini

It was supposed to be a ‘protest’ inspired by the 60’s big parades. Little feminists of XXI Century, very attentive to newness but also with the desire to have fun.

I purposed it as a main theme of the fashion editorial because the common thread of the Vogue Bambini issue was ‘eco/green’.

I would have focused on ongoing slogans like ‘Go Vegan’ or ‘No Palm Oil’, pretty comical if  given to the kids and also pretty contemporary, but at the end they had been replaced with more ‘politically correct’ slogans like ‘Some bunny loves me’ and – the mysterious – ‘Love to the moon’.

About the initial idea – the 60’s protest – it was clear just because of the signs: the outfits we had on set were kinda ‘bonton’… Not exactly my conception of protest! More suitable for a cup of tea in an elegant flat of ‘piazza’ Castello  (Castle Square) in Milan than a protest in the middle of the street! Thank Goodness I had the kids on set I like the most (to be honest… I brought on set a little model on my own initiative, without permission!). For better or worse… Vogue Bambini it is always Vogue Bambini!

To have a look at the complete fashion editorial click here

To have a look at the ‘Behind the scenes’ video featured by Vogue Bambini click here

 

Doveva essere una bella – protesta – stile 60’s. Delle piccole femministe del XXI secolo attente all’attualità ma che hanno soprattutto voglia di divertirsi.

L’avevo proposto perché il filo conduttore di questo specifico numero di Vogue Bambini era “green/eco”.

Avrei puntato su slogan attuali come ‘Go vegan’ oppure ‘No all’olio di palma’, comici in mano a dei bambini e allo stesso tempo molto attuali.

Sono stati ovviamente sostituiti con slogan più ‘politically correct’ tipo ‘Some bunny loves me’  o il misterioso ‘Love to the moon’.

Dello stile – la protesta 60’s – sono rimasti solo i cartelli perché i look a disposizione erano tutti piuttosto bon ton. Altro che protesta: forse più adatti ad un té in un appartamento di piazza Castello a Milano. Meno male che almeno c’erano i bambini che mi piacevano (beh, a dire il vero una l’ho fatta venire di mia iniziativa senza essere autorizzato)… D’altronde, nel bene o nel male, Vogue Bambini è sempre Vogue Bambini.

Per vedere il servizio completo clicca qui

Per vedere il video del backstage girato da Vogue Bambini, clicca qui 

Photographer Federico Leone

Stylist Deborah De Groot

Grooming Loris Rocchi @Close up Milano

Servizio editoriale 'Make fashion not War' su Vogue Bambini scattato da Federico Leone.

Fashion editorial ‘Make fashion, not war’ on Vogue Bambini Magazine by Federico Leone. Biker jacket, Philipp Plein Junior. Dress United Colors of Benetton. Ballerinas Lelli Kelly. Headpiece Shouruk. Silk overalls, Vivetta. Top Maelie. Ballerinas Naturino. Top La stupenderia. Skirt United Colors of Benetton. Slip-ons, Pèpè. Voile dress, MSGM Kids. Blouse United Colors of Benetton. Strap shoes, Jacadi. Faux fur collar, Gabriel et Valentin.

Fashion editorial a tema 'protesta' per la rivista Vogue Bambini, scattato da Federico Leone.

Fashion editorial ‘Make fashion, not war’ on Vogue Bambini Magazine by Federico Leone

Una protesta 'bon tot' per il fashion editorial 'Make fashion not war' scattato da Federico Leone.

The ‘bon ton’ protest, fashion editorial for Vogue Bambini by Federico Leone.

 

Una protesta 'bon tot' per il fashion editorial 'Make fashion not war' scattato da Federico Leone.

The ‘bon ton’ protest, fashion editorial for Vogue Bambini by Federico Leone.

Fashion editorial 'Make Fashion, Not War' uscito su Vogue Bambini scattato da Federico Leone.

Fashion editorial ‘Make Fashion, Not War’ on Vogue Bambini by Federico Leone

Servizio fotografico 'Make fashion, not War', su Vogue Bambini, scattato da Federico Leone

Fashion editorial ‘Make Fashion, Not War’ on Vogue Bambini by Federico Leone.

Fashion editorial ‘Make Fashion, Not War’ on Vogue Bambini by Federico Leone. eyelet lace dress, Sarabanda. Blouse Dpam. Sneakers, Manila Grace. Lace top, Fun&Fun. Shorts Jacadi. Shoes Stella McCartney Kids. Luggage Prada.

‘Nippon vibes’ on Collezioni Bambini

Nippon vibes, good vibes! Here some shots from Collezioni Bambini , a new editorial inspired by the minimal mood of Japan. A creamy and pale rose backdrop with a fané light effect brought out by an exposure time of 1/15”. A very basic set where lights and shades are the most important part of the work, accentuated by an accurate ‘nippo’ styling, full of  details.

To have a look to the complete photoshoot click here

Nippon vibes… good vibes! Ecco qualche scatto dall’editoriale uscito su Collezioni Bambini, un redazionale ispirato alle atmosfere minimal del Giappone. Un fondale crema e rosa pallido ha accentuato l’effetto volutamente ‘offuscato’ ottenuto grazie a tempi di otturazione lunghi (per i più ‘tecnici’ 1/15”). Un set basico dove luci e ombre sono stati la parte più importante, completata da un accurato lavoro di styling.

Per vedere il servizio completo clicca qui 

Photographer Federico Leone

Stylist Maddalena Montaguti

Grooming Antonella Gaglio @closeupmilano

Un nuovo editoriale - Nippon Vibes - scattato da Federico Leone per Collezioni Bambini 03 Baby

Editorial ‘Nippon Vibes’ for Collezioni Bambini magazine by Federico Leone

Editoriale 'Nippon Vibes' scattato da Federico Leone per Collezione Bambini

Editorial ‘Nippon Vibes’ for Collezioni Bambini by Federico Leone

Editoriale 'Nippon Vibes' scattato da Federico Leone per Collezioni Bambini.

Editorial ‘Nippon Vibes’ for Collezioni Bambini by Federico Leone

Editoriale scattato da Federico Leone per Collezioni Bambini

Editorial ‘Nippon Vibes’ for Collezioni Bambini magazine by Federico Leone

Dietro le quinte: la costruzione del set

Behind the scenes: the build up of the set

“Roman Holidays”, a different point of view

One of the most thrilling part of my job is finding a different point of view, even on something very well-known. I shot this editorial in my own city, where I was born and rised, discovering – for the very first time – an innovative perspective where Rome is (unusually) not the protagonist, but just a ‘place’ not immediately identifiable. The sets of the photoshoot are – alternatively – an unknown skate park, right behind the Coliseum, the Gasometer of the Testaccio district, the Orange Garden and an a very anonymous street close to the district I used to live.

Contrary to what is usually seen, Rome here is just a backdrop, the real driving players are the girls and their intense way to ‘live’ their leisure time. In these pictures is the intimate world of teenagers’ holidays to be unveiled. That time made of long bored afternoons, wasting time and laughs. The atmosphere is a bit decadent, a sort of ‘Thelma&Louise’ mood, and it constrasts with the Imperial beauty of Rome, that remains in the back.

Thank you to Mayline Dubois, from Paris, and to Poppy Numan, from Brighton, perfect interpreters of this journey out of time and out of space.

To have a look of the complete editorial click here

——————————————————

Una delle cose più incredibili del mio lavoro è trovare sempre un punto di vista differente, soprattutto nelle cose che conosciamo meglio. Ho scattato questo editoriale nella città dove sono nato e cresciuto, e proprio qui ho trovato una prospettiva inedita della ‘mia’ città: quella di un luogo che per la prima volta non è protagonista e che non è immediatamente riconoscibile.

I set dello shooting si alternano tra una sconosciuta pista di pattinaggio proprio dietro al Colosseo, il gazometro del Testaccio, il Giardino degli Aranci, il meraviglioso Lungo Tevere e un’anonima stradina vicino al mio quartiere originario. Differentemente da quanto ci si possa aspettare, in queste immagini Roma è solo un fondale: a svelarsi è il mondo intimo delle vacanze dell’adolescenza, quello fatto di lunghi pomeriggi e di noia, di tempo che si perde e di risate. L’atmosfera un filo decadente, un po’ Thelma & Luise, fa contrasto alla bellezza imperiale di Roma, che rimane là sul fondo.

Grazie a Mayline Dubois, venuta da Parigi, e a Poppy Numan, venuta da Brighton, interpreti perfette di questo viaggio fuori dal tempo e dallo spazio.

Per vedere il servizio completo cliccate qui.

Photographer Federico Leone

Stylist Maddalena Montaguti

Grooming Antonella Gaglio @closeupmilano

"roman Holidays" editorial starring Poppy and Mayline

“Roman Holidays” editorial starring Poppy and Mayline

Rome behind. Teen fashion editorial by photographer Federico Leone

Poppy Nunan teenager top model

Poppy Nunan teenager top model

Different perspectives. Teen fashion editorial by Federico Leone. Coliseum is behind the trees!!

Tenn fashion editorial by photographer Federico Leone

Teen fashion editorial by photographer Federico Leone

Tee nfashion editorial by Federico Leone starring Poppy Numan

Teen fashion editorial by Federico Leone starring Poppy Numan

Behind the scenes.

Me at work.

‘1977’ on La Petite Magazine

Back to the Seventies with this gorgeous fashion editorial ‘1977’ on the French magazine La Petite.

Three ‘mini’ Charlie’s Angels performed by incredible little models, the blond Galia Foraster – don’t you think she looks so much like Farah Fawcett? -, from Spain, Arianna Brambilla from Milan and Kira Yanenko from Moscow.

41 years after the first episode (I personally checked the date and it was on 22nd September 1976)  of the one of the most popular American tv series, it made me feel like ‘plunged in’ the flower power of those years.

Anyway, I just would like to spend some worlds about Annah Segarra, the stylist... this is the first job I’ve done with her. Before I didn’t know her. She persisted to meet me for an aperitif while I was working in Barcelona, just to introduce herself, telling me she really appreciates my job as a kids fashion photographer.

She was lovely, but, beyond that, I couldn’t really evaluate her skills… to estimate the works of a stylist just through the book is not an easy job: the combination with other photographers  is a topic and the empathy on set is something really very important. Moreover, it is not too long that Annah is in the kids fashion world… At the beginning I didn’t pay attention to our meeting, but, after a couple of days, she sent me a creative proposal… that I rejected.

After that, another one… and – at the end – one I really liked. I said to myself: ‘such enthusiasm and passion for her job! She definitely doesn’t lack of ambition! Let’s try to work with her!”. And the result is what you see in the images. Now Annah is one of my favorite stylists (I said ONE OF!!!!…. I don’t want to make anyone jealous 🙂 ). She is a great professional and a wonderful person.

To have a look at the complete fashion editorial click here

********

Mi è sembrato di tornare negli anni Settanta con questo editoriale ‘1977’ scattato per la rivista francese La Petite.

Tre ‘mini’ Charlie’s Angels interpretate da incredibili piccole modelle come la bionda Galia Foraster – non vi sembra identica a Farah Fawcett? – dalla Spagna, Arianna Brambilla, da Milano, e Kira Yanenko da Mosca.

41 anni dopo la prima puntata di una delle più popolari serie televisive americane  (l’ho controllato personalmente, era il 22 settembre 1976) mi sono sentito ‘immerso’ nell’atmosfera del ‘flower power’.

Due parole sulla stylist, Annah Segarra… questo è il primo lavoro che ho fatto con lei. Prima non la conoscevo. Ha insistito per incontrarmi per un aperitivo mentre ero a Barcellona per lavoro, mi ha detto che apprezzava il mio lavoro come fotografo di moda bambino.

Una persona molto carina, ma, al di la di questo, non ero riuscito a valutare veramente le sue capacità… comprendere il lavoro di una stylist solo attraverso il book non è sempre facilissimo: la combinazione con altri fotografi è una forte variabile e il lato umano, sul set, conta comunque moltissimo.

Inoltre, Anna, è sul mercato della moda bambino relativamente da poco… Lì per lì non ho dato troppo peso a questo incontro. Poi dopo qualche giorno mi ha mandato una proposta creativa… che ho bocciato. Poi un’altra… E alla fine una che mi è piaciuta. Mi sono detto: “beh, che entusiasmo, che passione! L’ambizione non manca! Proviamo!” Ed ecco il risultato. Anna è ora una delle mie stylist preferite (ho detto UNA DELLE!!! …non sia mai che si creino delle gelosie! 😉 ) Una bravissima professionista e una splendida persona.

Per guardare il servizio completo clicca qui

Photographer Federico Leone

Styling Annah Segarra

Grooming Antonella Gaglio @Closeup Milano

 

T-shirt Tiny Cottons, camicia Ikks per Arianna (a sinistra), per Galia, vestito Buho, top Tiny Cottons, occhiali Stylist Own.

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone. T-shirt Tiny Cottons, shirt IIkks for Arianna (left), for Galia, dress Buho, top Tiny Cottons, glasses Stylist Own.

 

Galia: la 'mini' Farah Fawcett, Fashion editorial '19770 per la rivista francese La Petite scattato da Federico Leone.

Galia: the ‘mini’ Farah Fawcett! Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone.

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone.

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone.

Fashion Editorial '1977' for La Petite Magazine by Federico Leone. For Arianna (left), maglietta Bellerose, vestito Señorita Lonnie, t-shirt Wolf & Rita , scarpe Maison Mangostan. Per Kira, gonna MSGM, top Sainte Claire, occhiali Stylist Own, cintura Ikks, calze Bellerose.

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone. For Arianna (left), t-shirt Bellerose, dress Señorita Lonnie, brown t-shirt Wolf & Rita , shoes Maison Mangostan. For Kira, skirt MSGM, top Sainte Claire, glasses Stylist Own, belt Ikks, socks Bellerose.

 

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone.

Papier Mache issue new editorial shot in Milan…

Very proud of this new issue on Papier Mache Magazine. ‘They look because She’s lovely’ is an intense editorial shot nearby Milan, in a fashionable (and decadent) villa of the XIV Century.
It was pretty cold outside (and – to be honest – even inside) and this is the reason why we hurried up with the timing and the team worked very hard to make it all work.

‘Mum’ and ‘daughter’ – even if they are not in reality – were amazing. The little Greta Jianu (@btalentscout Milano) is TOP without exceptions. En ensemble of sensitivity, delicacy, strength and tenderness. And this is something you cannot take for granted. The connection between them was something magic and the result is what you can see in the pictures: an extreme intensity that shines through gestures, poses and expressions.
To have a look at the complete editorial click here.

Thank you very much to the grooming Loris Rocchi and, of course, to Maddalena Montaguti for their incredible job!

——————————————————————————

Sono particolarmente orgoglioso di questa nuova uscita sulla rivista australiana Papier Mache, ‘They look because She’s lovely’ è un editoriale molto intenso, che ho scattato vicino a Milano, in un’affascinate (e anche un po’ decadente…) villa del Cinquecento.
Faceva particolarmente freddo fuori (e onestamente anche dentro la villa) e questo è il motivo per il quale abbiamo accelerato i tempi di realizzazione e tutto il team ha lavorato moltissimo per fare in modo che ogni cosa funzionasse nei più brevi tempi possibili.

‘Mamma’ e ‘figlia’ – pur non essendolo davvero – sono state semplicemente strepitose. La piccola top Gret Jianu (@btalentscout Milano) non si smentisce mai. Un insieme di sensibilità, delicatezza, forza e tenerezza. Ed è qualcosa che non si può dare per scontato: la ‘connessione’ che si è creata fra loro è stata magica e il risultato è quello che si vede nelle foto: una fortissima intensità nei gesti, nelle pose e nelle espressioni.
Per vedere il servizio completo cliccate qui.

Grazie infinite a Loris Rocchi per il grooming e, naturalmente, a Maddalena Montaguti per il loro incredibile lavoro.

Photographer Federico Leone

Stylist Maddalena Montaguti

Grooming  Loris Rocchi @closeupmilano

Grooming assist. Agostino Scantamburlo @closeupmilano

photo by photographer Federico Leone

The intensity of a gesture, the depth of a gaze. Kids fashion editorial for Papier Mache by Federico Leone

Papier Mache by Federico Leone

Real tenderness in a hug. Kids fashion editorial for Papier Mache by Federico Leone.

Editoriale per Papier Mache di Federico Leone

Kids fashion editorial for the magazine Papier Mache shot by Federico Leone

When the shadows shines on a moment. Both mother and daughter are wearing Dolce&Gabbana.

Behind the scenes: the grooming team at work.

Behind the scenes: the grooming team at work.

doing grooming

doing grooming

 

Come nasce un servizio fotografico…seconda puntata… (versione in italiano)

Allora, innanzitutto, per chi fosse interessato, la puntata numero uno è qui.

Ed ecco uno dei redazionali che mi hanno impegnato maggiormente nella preparazione.

La storia è nata durante una telefonata tra me e la stylist, una di quelle idee che ti inventi quando di idee non ce ne sono molte.

Pensavo ad un lavoro in esterni, molto grafico e pulito, dove si vedesse solo cielo e dei movimenti strani magari con dei capi oversize.

Detta così sembrava semplicissima.

Per poter scattare dal basso e avere sfondi pulitissimi avevo pensato ad una piscina da skate.

Dopo un po’ di ricerca su internet e un paio di sopralluoghi mi sono reso conto che in Italia le piscine da skate in esterni sono tutte totalmente “graffitate” lungo il perimetro. Più che di graffiti, purtroppo, si tratta di scritte orribili prive di bellezza.

Inutile cercare oltre...

Inutile cercare oltre…

A quel punto ho deciso di optare per lo studio.

Contemporaneamente ho lanciato un casting via facebook per selezionare un gruppo di bambini fatto di veri atleti. In particolare ginnastica artistica e ritmica.

Il casting è partito a marzo e si è concluso un mese dopo. Sono arrivate 250 candidature da tutta Italia, di cui purtroppo solo il 10% di maschi.

Fortunatamente abbiamo trovato Alessandro, da Roma,  che oltre che bello si è rivelato molto bravo.

Poi, siccome a me piace sempre complicarmi la vita, ho deciso che il servizio non sarebbe stato solo un editoriale ma anche un video. Anzi, visto che c’ero, e non avendo ritenuto le complicazioni sufficienti, ho deciso di girare il video con una camera ad altissima risoluzione ed estrapolarne successivamente i fotogrammi per la creazione del redazionale stampato.

Non voglio dilungarmi sulle difficoltà tecniche di questa scelta…  chi è pratico del mestiere conosce bene le complicazioni. Purtroppo foto e video ancora oggi richiedono accorgimenti diversi tra loro e bisogna scendere a compromessi per fare entrambe le cose contemporaneamente.

Detto questo, c’era un altro problema: un video fatto bene richiede molto tempo e il tempo in uno shooting fotografico è prezioso.

Avrei dovuto programmare le cose molto bene, ma quello che io sapevo sulla ginnastica ritmica e artistica era quello che avevo visto in televisione qualche volta. Praticamente nulla.

Bisognava capire innanzitutto cosa esattamente sarebbero stati in grado di fare i miei giovanissimi atleti e, soprattutto, come fare a richiederglielo visto che ero totalmente all’asciutto di ogni cosa, terminologia tecnica compresa.

Una volta definito il cast, quindi, ho chiesto alle mamme delle interessate di intercedere con le palestre delle proprie figlie (Alessandro vivendo a Roma era troppo lontano) per poter presenziare ad alcuni dei loro allenamenti, prendere appunti sulla terminologia e chiedere consigli alle loro istruttrici.

Ho incontrato persone fantastiche che mi hanno aiutato moltissimo e mi hanno spiegato molte cose.

Una volta raccolto un po’ di materiale e presi gli appunti necessari ho cercato di creare una storia compatibile con le loro capacità e con le mie esigenze. Ho pensato che sarebbe stato divertente raccontare una gara spiritosa tra femmine e maschio.

Ne è nato un layout molto utile ma molto buffo: per chi non lo sapesse non so assolutamente disegnare!

img_6893

un layout per ottimizzare i tempi e avere le idee chiare…

Intanto Eleonora montava il servizio e mi mandava qualche anteprima…

 

Mentre le mamme, devo dire tutte molto collaborative, erano in uno stato mentale tra la fibrillazione e il panico… come si vede da questi whatsapp riservatissimi!!!

 

Le giornate precedenti lo shooting le ho passate a cercare gli attrezzi necessari e i presidi di sicurezza per farli saltare dall’alto.

Emma sulla trave lunga 5 metri...

Emma sulla trave lunga 5 metri…

La cosa non è stata per niente semplice: tanto per fare un esempio, la trave da equilibrio che si vede nel servizio è lunga 5 metri e ci vogliono due persone molto forti per sollevarla. Insomma, se volevo complicarmi la vita per bene, beh, c’ero proprio riuscito!

Le ultime fasi sono state il montaggio e la verniciatura di un sottile tappeto di gomma sul limbo per attutire la durezza del pavimento e permettere esercizi in sicurezza.

img_6525

La difficile scelta del colore di sfondo con l’aiuto del prezioso scenografo Marco Ronchi

img_6973

Qui si vede bene il tappeto incollato a terra

Poi la verniciatura di circa 300mq in colore azzurro. Purtroppo in video non si ritocca facilmente e le cose andavano fatte molto bene.

img_6954

Lo studio in fase di verniciatura. Le proporzioni si capiscono bene guardando la persona che vernicia…

Per gli amanti dei tecnicismi ho girato con la RED EPIC 6K ma utilizzando principalmente 5K. 4K per le scene dei salti a 100fps.

Abbiamo utilizzato luce continua daylight per un totale di 18.000 watt.

L’istruttrice di Emma è stata ingaggiata per riscaldare i bambini prima di girare e per darmi una mano a gestirli

ft4b4983

L’istruttrice di Emma Francesca Pedrinazzi che assiste Alessandro nelle prime prove di salto…

 

Trovate il servizio completo qui.

Il video qui.

Grazie al lavoro pazzesco di Loris Rocchi e ovviamente a Eleonora Cottafavi.

Photo: Federico Leone

Stylist: Eleonora Cottafavi

Grooming: Loris Rocchi

Redazionale di moda bambino di Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone. THE ANIMALS OBSERVATORY, skirt EMILE ET IDA. Alessia wears dress SOFT GALLERY. Alessandro wears shirt THE ANIMALS OBSERVATORY

 

kids fashion editorial by Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone. left girl: sweatshirt and leggings SOFT GALLERY, skirt EMILE ET IDA right girl: sweater HELLO SIMONE

Redazionale di moda bambino di Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone. Emma wears waistcoat WOLF&RITA

kids fashion editorial by Federico Leone

Redazionale per la rivista “Papier Mache” di moda bambino scattato da Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone. left: waistcoat BLEU COMME GRIS, pants THE ANIMALS OBSERVATORY right: sweatshirt INE DE HAES, pants stylist’s own

Redazionale per la rivista "Mapier Mache" di moda bambino scattato da Federico Leone

Redazionale per la rivista “Papier Mache” di moda bambino scattato da Federico Leone

Papier Mache “cinema” issue editorial shot in Brighton…

The topic of this issue of Papier Mache magazine was the ‘cinema’.

An endless world to be inspired by.

For me it was a deep joy ad an incredible privilege to make something inspired by the cinema, in totally creative freedom.

After evaluating several options and some proposals, I decided to create a story, together with the stylist Kate Van Der Hage, connected to the English movie Quadrophenia (1979).

The movie is inspired by a music album of the band ‘The Who‘, that came out in 1973 (and, afer that, soundtrack of the movie itself). It tells the story of a young mod and it takes place in Brighton, during the Sixties.

Brighton still preserves some seafront views almost equal to that age. I had no doubt: there was the perfect place for the perfect story.

I just let the pictures tell the story.

The day of the photoshoot was a little cold and it also was cloudy, but I’m really very happy about the result.

Until now, it is absolutely one of my favorite photoshoots ever.

I’m very thankful to Kate to her huge help in the management of this pretty complex photoshoot, especially for the big number of  kids involved in it.

Following some images from the editorial, some of them never published.

For the complete editorial you can have a look on my web site here

 ————————————

Il tema di questo numero di Papier Mache era “il cinema”.

Un mondo infinito da cui trarre ispirazioni.

Per me era una gioia profonda e un privilegio poter realizzare qualcosa ispirato al cinema nella più assoluta libertà creativa.

Dopo aver valutato più opzioni e alcune proposte ho deciso di realizzare insieme alla stylist Kate Van Der Hage una storia legata al film “Quadrophenia“, film inglese del 1979.

Il film è ispirato ad un album del gruppo musicale “The Who“, uscito nel 1973, (poi colonna sonora del film stesso) che racconta la storia di un giovane mod, ambientata a Brighton negli anni ’60.

Brighton conserva tutt’ora molti scorci di lungomare pressoché identici a quell’epoca. Quindi non ho avuto dubbi: era il posto perfetto per una storia perfetta.

Il resto lo raccontano le immagini.

Faceva un po’ freddino ed era purtroppo una giornata molto nuvolosa ma sono comunque contentissimo del risultato.

Ad oggi è stato uno dei miei servizi preferiti in assoluto.

Devo ringraziare Kate per il grandissimo aiuto nella logistica di questo servizio abbastanza complesso per l’elevato numero di bambini da gestire.

Di  seguito alcune immagini tratte dal servizio di cui qualche inedito… Per l’editoriale completo rimando al mio sito: qui

Photo: Federico Leone

Stylist: Kate Van Der Hage

Grooming: Oscar Alexander Lundberg

Finished! Going back to the hotel... On the left Kate...

Finished! Going back to the hotel… On the right Kate Van Der Hage…