The ‘making of’ of a photoshoot… episode #2… (English Version)

(Italian version here)

This is one of the editorial photoshoot that took me a real super work during the buildup.

The idea of the story was born during a phone call between me and the stylist. One of those ideas that suddenly comes when there are no ideas.

First of all I thought about an outside photoshoot, graphical and very clean, with just the sky as a background and – maybe – strange poses with kids wearing oversized outfits.

That sounds to me like very easy.

I had the idea of using a skateboarding park as a location, to shoot from below and to have a very clean background, nearly inconsistent.

After some internet searches and a couple of  site inspections around Milan I realized that in Italy the skateboarding tracks are all covered by graffitis round the edges. And not real graffitis but just horrible doodles.

Inutile cercare oltre...

There’s no need to look any further than this…

At that point i decided for a studio photoshoot.

In the mean time I started a Facebook casting to find out a bunch of real young athletes. In particular, kids skilled in artistic and rhythmic gymnastics.

The casting started in March and it had been lasting until the following month. I received more than 250 candidacies from all over Italy, but just the 10% of them was males.

Luckily we found out Alessandro, from Rome, a pretty cool boy, handsome and very good in practicing artistic gym.

After that, just because I like to make things harder for myself, I decided to make a video in addition to the photoshoot. Indeed, just to complicate a little bit things, I decided to record the video with a very high resolution camera and, after that, to extract singular frames to create the printed version of the editorial photoshoot. I will not spend a long time describing all the technical problems, but who knows my job is conscious about the complexity of this choice. Video making and photoshooting have different approaches and technic and to make everything work it is necessary to make a good compromise.

Having said that, there were another problem: to make a good video you need time, more time than making photos – time is really precious-.

I should have planned everything in the details, but I was not practice at all about artistic and rhythmic gymnastics except for some shows on TV. Practically nothing.

First of all I needed to know the skills of every of my young athletes.

I had to understand what they could do for me and the way to ask them to do something, considering I have no bases at all in their field, especially the technical vocabulary.

So, after the casting, I asked to the mothers of the little athletes I choose (except for Alessandro who is living in Rome) to ask to the gym teachers for the permission to have a look during some of their trainings, to write down some notes and to ask some suggestions to their teachers.

I found a lot of incredible people who helped me a lot.

After my ‘training’ I tried to create a story in between their talents and my needs. I found a pretty funny idea picturing a witty competition among the females and the male.

It came out a very odd, but absolutely useful layout! Who know me is conscious I’m not able to draw!

img_6893

A layout to optimize the timing and to have clear ideas…

In the meantime, Eleonora, the stylist, was arranging the outfit… Here some previews.

 

The last days before the photoshoot I had to find out all the exercise equipments and all the safety arrangements to make the kids able to jump – safe – from above.

Emma sulla trave lunga 5 metri...

Emma on the 5 meters long balance beam

It was totally not easy! For example, the balance beam you see in the photoshoot is 5 meters long and to lift it you need two strong men. Even the trestle is pretty heavy… So I was good in making my life complicated!

 

In addition to that we had to assemble and to paint a thin rubber mat on the backdrop to soften the floor and make the exercises safer.

img_6973

Here the rubber mat stuck on the floor.

Last but not least, the light blue wall painting (nearly 300 square meters). In the video the retouching is a pretty hard stuff… so we got it right!

img_6954

The studio during the painting. The have an idea of the proportion, just have a look to the person is paintng the wall…

For those who love the technical infos, I recorded with RED EPIC 6K, but I have principally used 5K. 4K at 100fps for the high speed footage.

To illuminate we used an endless light daylight for a toll of 18000 watts.

The gym teacher of Emma was taken on to warm up the kids before the shooting and to help me to manage them.

ft4b4983

Francesca Pedrinazzi, the Emma’s gym teacher, is helping Alessandro in the first jump attempts…

To have a look to the complete photoshoot click here.

To have a look to he video click here.

Thank you very much to the grooming Loris Rocchi and, of course, to Eleonora Cottafavi for their incredible job!

Photo: Federico Leone

Stylist: Eleonora Cottafavi

Grooming: Loris Rocchi

Redazionale di moda bambino di Federico Leone

Kids fashion editorial by Federico Leone. THE ANIMALS OBSERVATORY, skirt EMILE ET IDA. Alessia wears dress SOFT GALLERY. Alessandro wears shirt THE ANIMALS OBSERVATORY

 

kids fashion editorial by Federico Leone

Kids fashion editorial by Federico Leone. Left girl: sweatshirt and leggings SOFT GALLERY, skirt EMILE ET IDA right girl: sweater HELLO SIMONE

Redazionale di moda bambino di Federico Leone

Kids fashion editorial by Federico Leone. Emma wears waistcoat WOLF&RITA

kids fashion editorial by Federico Leone

Kids fashion editorial by Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone

Kids fashion editorial by Federico Leone. Left: waistcoat BLEU COMME GRIS, pants THE ANIMALS OBSERVATORY right: sweatshirt INE DE HAES, pants stylist’s own

kids fashion editorial by Federico Leone

kids fashion editorial by Federico Leone

Come nasce un servizio fotografico…seconda puntata… (versione in italiano)

Allora, innanzitutto, per chi fosse interessato, la puntata numero uno è qui.

Ed ecco uno dei redazionali che mi hanno impegnato maggiormente nella preparazione.

La storia è nata durante una telefonata tra me e la stylist, una di quelle idee che ti inventi quando di idee non ce ne sono molte.

Pensavo ad un lavoro in esterni, molto grafico e pulito, dove si vedesse solo cielo e dei movimenti strani magari con dei capi oversize.

Detta così sembrava semplicissima.

Per poter scattare dal basso e avere sfondi pulitissimi avevo pensato ad una piscina da skate.

Dopo un po’ di ricerca su internet e un paio di sopralluoghi mi sono reso conto che in Italia le piscine da skate in esterni sono tutte totalmente “graffitate” lungo il perimetro. Più che di graffiti, purtroppo, si tratta di scritte orribili prive di bellezza.

Inutile cercare oltre...

Inutile cercare oltre…

A quel punto ho deciso di optare per lo studio.

Contemporaneamente ho lanciato un casting via facebook per selezionare un gruppo di bambini fatto di veri atleti. In particolare ginnastica artistica e ritmica.

Il casting è partito a marzo e si è concluso un mese dopo. Sono arrivate 250 candidature da tutta Italia, di cui purtroppo solo il 10% di maschi.

Fortunatamente abbiamo trovato Alessandro, da Roma,  che oltre che bello si è rivelato molto bravo.

Poi, siccome a me piace sempre complicarmi la vita, ho deciso che il servizio non sarebbe stato solo un editoriale ma anche un video. Anzi, visto che c’ero, e non avendo ritenuto le complicazioni sufficienti, ho deciso di girare il video con una camera ad altissima risoluzione ed estrapolarne successivamente i fotogrammi per la creazione del redazionale stampato.

Non voglio dilungarmi sulle difficoltà tecniche di questa scelta…  chi è pratico del mestiere conosce bene le complicazioni. Purtroppo foto e video ancora oggi richiedono accorgimenti diversi tra loro e bisogna scendere a compromessi per fare entrambe le cose contemporaneamente.

Detto questo, c’era un altro problema: un video fatto bene richiede molto tempo e il tempo in uno shooting fotografico è prezioso.

Avrei dovuto programmare le cose molto bene, ma quello che io sapevo sulla ginnastica ritmica e artistica era quello che avevo visto in televisione qualche volta. Praticamente nulla.

Bisognava capire innanzitutto cosa esattamente sarebbero stati in grado di fare i miei giovanissimi atleti e, soprattutto, come fare a richiederglielo visto che ero totalmente all’asciutto di ogni cosa, terminologia tecnica compresa.

Una volta definito il cast, quindi, ho chiesto alle mamme delle interessate di intercedere con le palestre delle proprie figlie (Alessandro vivendo a Roma era troppo lontano) per poter presenziare ad alcuni dei loro allenamenti, prendere appunti sulla terminologia e chiedere consigli alle loro istruttrici.

Ho incontrato persone fantastiche che mi hanno aiutato moltissimo e mi hanno spiegato molte cose.

Una volta raccolto un po’ di materiale e presi gli appunti necessari ho cercato di creare una storia compatibile con le loro capacità e con le mie esigenze. Ho pensato che sarebbe stato divertente raccontare una gara spiritosa tra femmine e maschio.

Ne è nato un layout molto utile ma molto buffo: per chi non lo sapesse non so assolutamente disegnare!

img_6893

un layout per ottimizzare i tempi e avere le idee chiare…

Intanto Eleonora montava il servizio e mi mandava qualche anteprima…

 

Mentre le mamme, devo dire tutte molto collaborative, erano in uno stato mentale tra la fibrillazione e il panico… come si vede da questi whatsapp riservatissimi!!!

 

Le giornate precedenti lo shooting le ho passate a cercare gli attrezzi necessari e i presidi di sicurezza per farli saltare dall’alto.

Emma sulla trave lunga 5 metri...

Emma sulla trave lunga 5 metri…

La cosa non è stata per niente semplice: tanto per fare un esempio, la trave da equilibrio che si vede nel servizio è lunga 5 metri e ci vogliono due persone molto forti per sollevarla. Insomma, se volevo complicarmi la vita per bene, beh, c’ero proprio riuscito!

Le ultime fasi sono state il montaggio e la verniciatura di un sottile tappeto di gomma sul limbo per attutire la durezza del pavimento e permettere esercizi in sicurezza.

img_6525

La difficile scelta del colore di sfondo con l’aiuto del prezioso scenografo Marco Ronchi

img_6973

Qui si vede bene il tappeto incollato a terra

Poi la verniciatura di circa 300mq in colore azzurro. Purtroppo in video non si ritocca facilmente e le cose andavano fatte molto bene.

img_6954

Lo studio in fase di verniciatura. Le proporzioni si capiscono bene guardando la persona che vernicia…

Per gli amanti dei tecnicismi ho girato con la RED EPIC 6K ma utilizzando principalmente 5K. 4K per le scene dei salti a 100fps.

Abbiamo utilizzato luce continua daylight per un totale di 18.000 watt.

L’istruttrice di Emma è stata ingaggiata per riscaldare i bambini prima di girare e per darmi una mano a gestirli

ft4b4983

L’istruttrice di Emma Francesca Pedrinazzi che assiste Alessandro nelle prime prove di salto…

 

Trovate il servizio completo qui.

Il video qui.

Grazie al lavoro pazzesco di Loris Rocchi e ovviamente a Eleonora Cottafavi.

Photo: Federico Leone

Stylist: Eleonora Cottafavi

Grooming: Loris Rocchi

Redazionale di moda bambino di Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone. THE ANIMALS OBSERVATORY, skirt EMILE ET IDA. Alessia wears dress SOFT GALLERY. Alessandro wears shirt THE ANIMALS OBSERVATORY

 

kids fashion editorial by Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone. left girl: sweatshirt and leggings SOFT GALLERY, skirt EMILE ET IDA right girl: sweater HELLO SIMONE

Redazionale di moda bambino di Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone. Emma wears waistcoat WOLF&RITA

kids fashion editorial by Federico Leone

Redazionale per la rivista “Papier Mache” di moda bambino scattato da Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone

Redazionale di moda bambino di Federico Leone. left: waistcoat BLEU COMME GRIS, pants THE ANIMALS OBSERVATORY right: sweatshirt INE DE HAES, pants stylist’s own

Redazionale per la rivista "Mapier Mache" di moda bambino scattato da Federico Leone

Redazionale per la rivista “Papier Mache” di moda bambino scattato da Federico Leone

Papier Mache “cinema” issue editorial shot in Brighton…

The topic of this issue of Papier Mache magazine was the ‘cinema’.

An endless world to be inspired by.

For me it was a deep joy ad an incredible privilege to make something inspired by the cinema, in totally creative freedom.

After evaluating several options and some proposals, I decided to create a story, together with the stylist Kate Van Der Hage, connected to the English movie Quadrophenia (1979).

The movie is inspired by a music album of the band ‘The Who‘, that came out in 1973 (and, afer that, soundtrack of the movie itself). It tells the story of a young mod and it takes place in Brighton, during the Sixties.

Brighton still preserves some seafront views almost equal to that age. I had no doubt: there was the perfect place for the perfect story.

I just let the pictures tell the story.

The day of the photoshoot was a little cold and it also was cloudy, but I’m really very happy about the result.

Until now, it is absolutely one of my favorite photoshoots ever.

I’m very thankful to Kate to her huge help in the management of this pretty complex photoshoot, especially for the big number of  kids involved in it.

Following some images from the editorial, some of them never published.

For the complete editorial you can have a look on my web site here

 ————————————

Il tema di questo numero di Papier Mache era “il cinema”.

Un mondo infinito da cui trarre ispirazioni.

Per me era una gioia profonda e un privilegio poter realizzare qualcosa ispirato al cinema nella più assoluta libertà creativa.

Dopo aver valutato più opzioni e alcune proposte ho deciso di realizzare insieme alla stylist Kate Van Der Hage una storia legata al film “Quadrophenia“, film inglese del 1979.

Il film è ispirato ad un album del gruppo musicale “The Who“, uscito nel 1973, (poi colonna sonora del film stesso) che racconta la storia di un giovane mod, ambientata a Brighton negli anni ’60.

Brighton conserva tutt’ora molti scorci di lungomare pressoché identici a quell’epoca. Quindi non ho avuto dubbi: era il posto perfetto per una storia perfetta.

Il resto lo raccontano le immagini.

Faceva un po’ freddino ed era purtroppo una giornata molto nuvolosa ma sono comunque contentissimo del risultato.

Ad oggi è stato uno dei miei servizi preferiti in assoluto.

Devo ringraziare Kate per il grandissimo aiuto nella logistica di questo servizio abbastanza complesso per l’elevato numero di bambini da gestire.

Di  seguito alcune immagini tratte dal servizio di cui qualche inedito… Per l’editoriale completo rimando al mio sito: qui

Photo: Federico Leone

Stylist: Kate Van Der Hage

Grooming: Oscar Alexander Lundberg

Finished! Going back to the hotel... On the left Kate...

Finished! Going back to the hotel… On the right Kate Van Der Hage…

 

What’s behind the scenes of Papier Mache cover issue 10 photoshoot

Due parole per questa foto che vanno oltre il fatto di aver realizzato la cover di una delle riviste di moda bambino più importanti del mondo…

Finalmente Chiara Brini, una bambina specialissima che fino ad ora avevo scattato solo per lavori commerciali di basso profilo artistico.

Chiara è un “tipaccio” di poche parole. Poche parole ma sempre pungenti. Mamma austriaca. Lei cresciuta in Italia e perfettamente bilingue.  La mamma dice che è una “testa calda”. Quando arriva non saluta, e nemmeno quando se ne va. Io sono convinto di essergli molto simpatico ma lei non lo dimostrerà mai. Non parliamo quasi mai, ma io dietro quella corteccia spessa riesco a vedere una persona incredibilmente sensibile, intelligente. Chiara ha un’eleganza innata e l’eleganza non è mai solo un fatto estetico. La faccia “scazzata” della foto è reale. Anzi realissima. A Chiara non piace stare ferma: era appollaiata su un cubo di legno, maglia, sciarpa e cappello. Parrucchiera e stylist a ronzargli intorno mentre lei aspettava che le dicessi -ok, va bene, fatto-. L’unico suo pensiero era saltare giù e tornare a giocare con la sua “collega” modella che già l’aspettava su un monopattino per i corridoi degli studi.

Io sinceramente quando ho visto uscire questo scatto non è che fossi particolarmente entusiasta. Anzi, al momento ho pensato che la foto non sarebbe entrata nel servizio, figuriamoci sulla cover.

Ed eccoci qua.  Felicissimo di aver immortalato uno “scazzo” così profondo e sincero.

Grazie Chiara Brini.

———————————————————

 

 

Just few words about this picture, besides the fact I realized it as a cover of one of the most important kidswear magazine in the world.

Finally Chiara Brini, a very special little girl I usually work with in advertorial photoshoot with a not such artistic side.

Chiara is a naughty girl, not that talkative. She speaks little, but biting words. Her mother comes from Austria, she was raised in Italy, perfectly bilingual. Her mother describes her as a ‘hothead’. When she arrives she doesn’t say ‘hello’ nor even when she goes away.
I’m pretty sure she likes me, but I’m also sure she will never show it off. We never talk, but looking through her thick ‘skin’ I can see an incredibly sensitive and cleaver person. Chiara owns a natural elegance and the elegance is never just an esthetic fact.
The ‘pissed off’ expression is real. Actually pretty real. Chiara doesn’t like to be stuck in a situation, and she was perched on a wooden cube, wearing a sweater, a scarf and a hat. Hair stylist and fashion stylist they were running around her while she was waiting me to say ‘Ok, it’s good, done’. Her unique thought was to jump off and go back playing with her ‘colleague’, a little model who was waiting for her on a push scooter in the corridors of the photo studio.

Sincerely, when I saw this shot at the very first time, I though it was not appropriate for the editorial photoshoot, and even no for the cover.
Here we are. Proudly happy to have caught a ‘pissy’ expression so deep and honest.
Thank you Chiara Brini

 

Papier Mache cover issue 10

Chiara Brini on the cover of Papier Mache issue 10 shot by Federico Leone

 

“CAN YOU HEAR MY HEART BEAT” editorial for Papier Mache issue 10

Di non facile realizzazione, questo servizio per la rivista australiano-francese Papier Mache, è stato scattato sull’Etna a 2000 mt di altezza.

Il meteo non ci ha aiutato molto, regalandoci pochissimo sole e un discreto freddo.

Immagini di impatto per questa Lea Parison in versione “selvaggia”, venuta per noi da Parigi.

Dixon, il cavallo, (in realtà un grosso pony), è stato fantastico e si è comportato benissimo.

Un grazie speciale alla sua padrona Rosaria Consalvo e al team intero che mi segue sempre nelle mie follie.

Ph. Federico Leone

Assistant: Alessandro Esposto

Styling: Maddalena Montaguti

Grooming: Antonella Gaglio

Models: Lea Parison@btalentscout e Dixon@centroequestrepassopomo.it

fotografo federico leone for papier mache

CAN YOU HEAR MY HEART BEAT

Servizio di Federico Leone per la rivista Papier Mache

CAN YOU HEAR MY HEART BEAT

fotografo federico leone for papier mache

CAN YOU HEAR MY HEART BEAT

Servizio di Federico Leone per la rivista Papier Mache

CAN YOU HEAR MY HEART BEAT

fotografo federico leone for papier mache

CAN YOU HEAR MY HEART BEAT

Servizio di Federico Leone per la rivista Papier Mache

CAN YOU HEAR MY HEART BEAT

fotografo federico leone for papier mache

CAN YOU HEAR MY HEART BEAT

Servizio di Federico Leone per la rivista Papier Mache

CAN YOU HEAR MY HEART BEAT

PAPIER MACHE editorial out now…

Sicuramente un editoriale un po’ speciale. Esce sul numero 10 di Papier Mache, una delle più importanti riviste di tendenza per la moda bambino, riferimento e ispirazione per redattori e fotografi di tutto il mondo.

Papier Mache celebra il suo grande successo festeggiando i suoi primi 5 anni di età con questa edizione in formato nuovo e che assomiglia più ad un libro che ad una rivista.

Altra particolarità, e qui un elogio al coraggio degli editori, questo lavoro non contiene nemmeno un brand. Nemmeno uno che sia uno.

E’ un puro “esercizio di stile”, la ricerca di immagini belle e sofisticate. Punto.

Ultimo, ma non meno importante, la foto singola di Chiara Brini è andata in COVER!

Ringrazio il mio team, Maddalena Montaguti e Antonella Gaglio, senza il quale questi scatti non sarebbero stati possibili.

Grazie agli editori Beck Marshall, Deborah Sfez and Paul Peterson.

Grazie anche alle modelle, Chiara Brini e Kristina Pimenova.

————————

It’s an editorial, a bit special one. Out now on issue n°10 of Papier Mache, one of the most important kids fashion magazines, reference and inspiration for editors and photographers all over the world.

Papier Mache celebrates its big success of the first 5 years of activity in a new format and binding that makes it look like a book more than a magazine.

Another peculiarity, praise to the courage of publishers, this editorial does not contains any kids wear brand. No one.

It’s a pure style exercise, a personal research of beauty.

Last but not least, the picture with Chiara Brini got the magazine COVER!

Thanks to my team, Maddalena Montaguti and Antonella Gaglio, without whom wouldn’t been possible.

Thanks to the editors Beck Marshall, Deborah Sfez and Paul Peterson.

Thanks to the models too: Chiara Brini and Kristina Pimenova

Ph: Federico Leone

Styling: Maddalena Montaguti

Grooming: Antonella Gaglio

Models: Chiara Brini & Kristina Pimenova

Papier Mache Editorial by Federico Leone

Chiara Brini

Papier Mache Editorial by Federico Leone

Papier Mache Editorial by Federico Leone

This picture got the front cover of Papier Mache issue 10

Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone