New editorial ‘Metamorphosis’ on Schön! magazine

‘Metamorphosis’…. Starring Poppy Nunan: finally!

It was a while I was looking for a creative idea that should perfectly ‘fit’ on her. Poppy Nunan could be a Peter Lindberg’ model: aren’t too many faces like hers around.

The very first time I worked with her was in Rome, for the editorial ROMAN HOLIDAYS. This time we made a ‘delivery service’ and we flew to her home town, Brighton.

The idea was the metamorphosis from male to female.

For this reason, two weeks before the photoshoot, I made a call to the mother of Poppy, asking about her haircut at the moment: her hair was short but not enough for what I had been thinking for the editorial. I asked her if we could cut the hair of Poppy when we got there and she told me that there was no problem at all.

But, once there, the bad news: the day before Poppy was selected in a casting for a tv advertising and they asked her not to cut her hair until the day of the filming. I was pretty desperate…. the  story was about a transmutation from male to female and, in addition to the outfits, the handrogynous haircut was essential for the success of the photoshoot. So I phoned to her model agency and I was authorized just to give her a very little haircut.

I had pretty much made peace with the fact we couldn’t get the result I dreamt and I asked to my super hairstyling Antonella to fix a little bit the haircut and I went waiting on the other room of the hotel suite.

After ten minutes, Poppy was completely shaved! Antonella got a little ‘out of hand’ (luckily and literally!)… and here we go… Poppy was shaved at the side like a soldier with a longer bangs.

I was amazed, in between worry and happiness. In reality Poppy was super happy and she loved her new haircut: the blesses unconsciousness of a 14 years old teenager (and even that of 50…)!

Right after we chose the wig for the last part of the photoshoot among the five Antonella brought with her: we decided for a short bob.

The location was very close to the hotel, nearby the Brighton Pier.

Just finished we hurried to the airport: I and Antonella directed to Milan, and Annah, the stylist, to Barcelona.

The result made me really happy.

The fashion editorial is published on  Schön! Magazine, named as ‘Sea Change’. To have a look click here

*********

‘Metamphosis’… Starring Poppy Nunan. Finalmente!

Era un po’ di tempo che cercavo una creatività che si ‘cucisse’ perfettamente su di lei. Poppy Nunan potrebbe essere una modella di Peter Lindberg: in giro non ci sono molte facce come la sua..

La prima volta che abbiamo lavorato insieme è stato a Roma, per  ROMAN HOLIDAYS. Questa volta invece abbiamo fatto un ‘servizio a domicilio’ e siamo volati nella sua città natale, Brighton.

L’idea era quella di fotografare la metamorfosi del mio soggetto, da maschio a femmina.

Proprio per questo, due settimane prima del servizio, ho chiamato la mamma di Poppy chiedendole com’era il suo taglio attuale: i capelli erano corti ma non abbastanza per quello che avevo in mente. Le ho chiesto allora la cortesia di non tagliare i capelli di Poppy fino al nostro arrivo: ci avremmo pensato noi al taglio e lei mi ha risposto che non c’era nessun problema.

Una volta lì, però, ecco la brutta notizia: Poppy era stata ad un casting per uno spot televisivo proprio il giorno prima… era piaciuta molto ma le avevano chiesto di non toccare i capelli fino alla data delle riprese. Ero abbastanza abbattuto perché la storia si basava su una trasformazione, e, oltre all’abbigliamento, l’acconciatura era fondamentale per rendere tutto più credibile. A quel punto ho provato a sentire la  sua agenzia che mi ha autorizzato a dargli solo una leggera spuntatina.

Ormai rassegnato ho chiesto ad Antonella, la mia super parrucchiera, di fare il possibile e sono andato ad aspettare (decisamente sconsolato) nell’altra stanza della nostra suite di hotel.

Dopo dieci minuti Poppy era rasata! Ad Antonella era (fortunatamente e letteralmente) sfuggita la mano e… via… una frangia un po’ più lunga, ma ai lati rasata come un militare.

Io ero a bocca aperta, tra preoccupazione e contentezza. In realtà anche Poppy era felicissima e si piaceva. Beata l’incoscienza dei 14 anni! (e quella dei 50…)

Subito dopo abbiamo scelto la parrucca che avremmo utilizzato nell’ultima parte del servizio tra le cinque che Antonella aveva portato con sé, e abbiamo optato per un caschetto proprio sotto le orecchie.

Il servizio è stato scattato rimanendo sempre a pochi metri dall’albergo nella zona adiacente al Brighton Pier. Appena finito siamo scappati verso l’aeroporto, io e Antonella verso Milano e Annah, la stylist, verso Barcellona.

Il risultato mi ha reso veramente felice.

Il servizio è uscito su Schön! Magazine, con il titolo ‘Sea Change’, per vederlo cliccate qui

 

Photographer Federico Leone

Stylist Annah Segarra

Grooming Antonella Gaglio

 

Fashion editorial for Schön! Magazine by Federico Leone

Fashion editorial for Schön! Magazine by Federico Leone. Pants and blouse KM by Lange, shoes Mireia Playa.

Fashion editorial for Schön! Magazine by Federico Leone.

Fashion editorial for Schön! Magazine by Federico Leone.

Fashion editorial for Schön! Magazine by Federico Leone.

Make Fashion Not War, fashion editorial on Vogue Bambini

It was supposed to be a ‘protest’ inspired by the 60’s big parades. Little feminists of XXI Century, very attentive to newness but also with the desire to have fun.

I purposed it as a main theme of the fashion editorial because the common thread of the Vogue Bambini issue was ‘eco/green’.

I would have focused on ongoing slogans like ‘Go Vegan’ or ‘No Palm Oil’, pretty comical if  given to the kids and also pretty contemporary, but at the end they had been replaced with more ‘politically correct’ slogans like ‘Some bunny loves me’ and – the mysterious – ‘Love to the moon’.

About the initial idea – the 60’s protest – it was clear just because of the signs: the outfits we had on set were kinda ‘bonton’… Not exactly my conception of protest! More suitable for a cup of tea in an elegant flat of ‘piazza’ Castello  (Castle Square) in Milan than a protest in the middle of the street! Thank Goodness I had the kids on set I like the most (to be honest… I brought on set a little model on my own initiative, without permission!). For better or worse… Vogue Bambini it is always Vogue Bambini!

To have a look at the complete fashion editorial click here

To have a look at the ‘Behind the scenes’ video featured by Vogue Bambini click here

 

Doveva essere una bella – protesta – stile 60’s. Delle piccole femministe del XXI secolo attente all’attualità ma che hanno soprattutto voglia di divertirsi.

L’avevo proposto perché il filo conduttore di questo specifico numero di Vogue Bambini era “green/eco”.

Avrei puntato su slogan attuali come ‘Go vegan’ oppure ‘No all’olio di palma’, comici in mano a dei bambini e allo stesso tempo molto attuali.

Sono stati ovviamente sostituiti con slogan più ‘politically correct’ tipo ‘Some bunny loves me’  o il misterioso ‘Love to the moon’.

Dello stile – la protesta 60’s – sono rimasti solo i cartelli perché i look a disposizione erano tutti piuttosto bon ton. Altro che protesta: forse più adatti ad un té in un appartamento di piazza Castello a Milano. Meno male che almeno c’erano i bambini che mi piacevano (beh, a dire il vero una l’ho fatta venire di mia iniziativa senza essere autorizzato)… D’altronde, nel bene o nel male, Vogue Bambini è sempre Vogue Bambini.

Per vedere il servizio completo clicca qui

Per vedere il video del backstage girato da Vogue Bambini, clicca qui 

Photographer Federico Leone

Stylist Deborah De Groot

Grooming Loris Rocchi @Close up Milano

Servizio editoriale 'Make fashion not War' su Vogue Bambini scattato da Federico Leone.

Fashion editorial ‘Make fashion, not war’ on Vogue Bambini Magazine by Federico Leone. Biker jacket, Philipp Plein Junior. Dress United Colors of Benetton. Ballerinas Lelli Kelly. Headpiece Shouruk. Silk overalls, Vivetta. Top Maelie. Ballerinas Naturino. Top La stupenderia. Skirt United Colors of Benetton. Slip-ons, Pèpè. Voile dress, MSGM Kids. Blouse United Colors of Benetton. Strap shoes, Jacadi. Faux fur collar, Gabriel et Valentin.

Fashion editorial a tema 'protesta' per la rivista Vogue Bambini, scattato da Federico Leone.

Fashion editorial ‘Make fashion, not war’ on Vogue Bambini Magazine by Federico Leone

Una protesta 'bon tot' per il fashion editorial 'Make fashion not war' scattato da Federico Leone.

The ‘bon ton’ protest, fashion editorial for Vogue Bambini by Federico Leone.

 

Una protesta 'bon tot' per il fashion editorial 'Make fashion not war' scattato da Federico Leone.

The ‘bon ton’ protest, fashion editorial for Vogue Bambini by Federico Leone.

Fashion editorial 'Make Fashion, Not War' uscito su Vogue Bambini scattato da Federico Leone.

Fashion editorial ‘Make Fashion, Not War’ on Vogue Bambini by Federico Leone

Servizio fotografico 'Make fashion, not War', su Vogue Bambini, scattato da Federico Leone

Fashion editorial ‘Make Fashion, Not War’ on Vogue Bambini by Federico Leone.

Fashion editorial ‘Make Fashion, Not War’ on Vogue Bambini by Federico Leone. eyelet lace dress, Sarabanda. Blouse Dpam. Sneakers, Manila Grace. Lace top, Fun&Fun. Shorts Jacadi. Shoes Stella McCartney Kids. Luggage Prada.

‘Nippon vibes’ on Collezioni Bambini

Nippon vibes, good vibes! Here some shots from Collezioni Bambini , a new editorial inspired by the minimal mood of Japan. A creamy and pale rose backdrop with a fané light effect brought out by an exposure time of 1/15”. A very basic set where lights and shades are the most important part of the work, accentuated by an accurate ‘nippo’ styling, full of  details.

To have a look to the complete photoshoot click here

Nippon vibes… good vibes! Ecco qualche scatto dall’editoriale uscito su Collezioni Bambini, un redazionale ispirato alle atmosfere minimal del Giappone. Un fondale crema e rosa pallido ha accentuato l’effetto volutamente ‘offuscato’ ottenuto grazie a tempi di otturazione lunghi (per i più ‘tecnici’ 1/15”). Un set basico dove luci e ombre sono stati la parte più importante, completata da un accurato lavoro di styling.

Per vedere il servizio completo clicca qui 

Photographer Federico Leone

Stylist Maddalena Montaguti

Grooming Antonella Gaglio @closeupmilano

Un nuovo editoriale - Nippon Vibes - scattato da Federico Leone per Collezioni Bambini 03 Baby

Editorial ‘Nippon Vibes’ for Collezioni Bambini magazine by Federico Leone

Editoriale 'Nippon Vibes' scattato da Federico Leone per Collezione Bambini

Editorial ‘Nippon Vibes’ for Collezioni Bambini by Federico Leone

Editoriale 'Nippon Vibes' scattato da Federico Leone per Collezioni Bambini.

Editorial ‘Nippon Vibes’ for Collezioni Bambini by Federico Leone

Editoriale scattato da Federico Leone per Collezioni Bambini

Editorial ‘Nippon Vibes’ for Collezioni Bambini magazine by Federico Leone

Dietro le quinte: la costruzione del set

Behind the scenes: the build up of the set

‘1977’ on La Petite Magazine

Back to the Seventies with this gorgeous fashion editorial ‘1977’ on the French magazine La Petite.

Three ‘mini’ Charlie’s Angels performed by incredible little models, the blond Galia Foraster – don’t you think she looks so much like Farah Fawcett? -, from Spain, Arianna Brambilla from Milan and Kira Yanenko from Moscow.

41 years after the first episode (I personally checked the date and it was on 22nd September 1976)  of the one of the most popular American tv series, it made me feel like ‘plunged in’ the flower power of those years.

Anyway, I just would like to spend some worlds about Annah Segarra, the stylist... this is the first job I’ve done with her. Before I didn’t know her. She persisted to meet me for an aperitif while I was working in Barcelona, just to introduce herself, telling me she really appreciates my job as a kids fashion photographer.

She was lovely, but, beyond that, I couldn’t really evaluate her skills… to estimate the works of a stylist just through the book is not an easy job: the combination with other photographers  is a topic and the empathy on set is something really very important. Moreover, it is not too long that Annah is in the kids fashion world… At the beginning I didn’t pay attention to our meeting, but, after a couple of days, she sent me a creative proposal… that I rejected.

After that, another one… and – at the end – one I really liked. I said to myself: ‘such enthusiasm and passion for her job! She definitely doesn’t lack of ambition! Let’s try to work with her!”. And the result is what you see in the images. Now Annah is one of my favorite stylists (I said ONE OF!!!!…. I don’t want to make anyone jealous 🙂 ). She is a great professional and a wonderful person.

To have a look at the complete fashion editorial click here

********

Mi è sembrato di tornare negli anni Settanta con questo editoriale ‘1977’ scattato per la rivista francese La Petite.

Tre ‘mini’ Charlie’s Angels interpretate da incredibili piccole modelle come la bionda Galia Foraster – non vi sembra identica a Farah Fawcett? – dalla Spagna, Arianna Brambilla, da Milano, e Kira Yanenko da Mosca.

41 anni dopo la prima puntata di una delle più popolari serie televisive americane  (l’ho controllato personalmente, era il 22 settembre 1976) mi sono sentito ‘immerso’ nell’atmosfera del ‘flower power’.

Due parole sulla stylist, Annah Segarra… questo è il primo lavoro che ho fatto con lei. Prima non la conoscevo. Ha insistito per incontrarmi per un aperitivo mentre ero a Barcellona per lavoro, mi ha detto che apprezzava il mio lavoro come fotografo di moda bambino.

Una persona molto carina, ma, al di la di questo, non ero riuscito a valutare veramente le sue capacità… comprendere il lavoro di una stylist solo attraverso il book non è sempre facilissimo: la combinazione con altri fotografi è una forte variabile e il lato umano, sul set, conta comunque moltissimo.

Inoltre, Anna, è sul mercato della moda bambino relativamente da poco… Lì per lì non ho dato troppo peso a questo incontro. Poi dopo qualche giorno mi ha mandato una proposta creativa… che ho bocciato. Poi un’altra… E alla fine una che mi è piaciuta. Mi sono detto: “beh, che entusiasmo, che passione! L’ambizione non manca! Proviamo!” Ed ecco il risultato. Anna è ora una delle mie stylist preferite (ho detto UNA DELLE!!! …non sia mai che si creino delle gelosie! 😉 ) Una bravissima professionista e una splendida persona.

Per guardare il servizio completo clicca qui

Photographer Federico Leone

Styling Annah Segarra

Grooming Antonella Gaglio @Closeup Milano

 

T-shirt Tiny Cottons, camicia Ikks per Arianna (a sinistra), per Galia, vestito Buho, top Tiny Cottons, occhiali Stylist Own.

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone. T-shirt Tiny Cottons, shirt IIkks for Arianna (left), for Galia, dress Buho, top Tiny Cottons, glasses Stylist Own.

 

Galia: la 'mini' Farah Fawcett, Fashion editorial '19770 per la rivista francese La Petite scattato da Federico Leone.

Galia: the ‘mini’ Farah Fawcett! Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone.

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone.

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone.

Fashion Editorial '1977' for La Petite Magazine by Federico Leone. For Arianna (left), maglietta Bellerose, vestito Señorita Lonnie, t-shirt Wolf & Rita , scarpe Maison Mangostan. Per Kira, gonna MSGM, top Sainte Claire, occhiali Stylist Own, cintura Ikks, calze Bellerose.

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone. For Arianna (left), t-shirt Bellerose, dress Señorita Lonnie, brown t-shirt Wolf & Rita , shoes Maison Mangostan. For Kira, skirt MSGM, top Sainte Claire, glasses Stylist Own, belt Ikks, socks Bellerose.

 

Fashion Editorial ‘1977’ for La Petite Magazine by Federico Leone.

PAPIER MACHE editorial out now…

Sicuramente un editoriale un po’ speciale. Esce sul numero 10 di Papier Mache, una delle più importanti riviste di tendenza per la moda bambino, riferimento e ispirazione per redattori e fotografi di tutto il mondo.

Papier Mache celebra il suo grande successo festeggiando i suoi primi 5 anni di età con questa edizione in formato nuovo e che assomiglia più ad un libro che ad una rivista.

Altra particolarità, e qui un elogio al coraggio degli editori, questo lavoro non contiene nemmeno un brand. Nemmeno uno che sia uno.

E’ un puro “esercizio di stile”, la ricerca di immagini belle e sofisticate. Punto.

Ultimo, ma non meno importante, la foto singola di Chiara Brini è andata in COVER!

Ringrazio il mio team, Maddalena Montaguti e Antonella Gaglio, senza il quale questi scatti non sarebbero stati possibili.

Grazie agli editori Beck Marshall, Deborah Sfez and Paul Peterson.

Grazie anche alle modelle, Chiara Brini e Kristina Pimenova.

————————

It’s an editorial, a bit special one. Out now on issue n°10 of Papier Mache, one of the most important kids fashion magazines, reference and inspiration for editors and photographers all over the world.

Papier Mache celebrates its big success of the first 5 years of activity in a new format and binding that makes it look like a book more than a magazine.

Another peculiarity, praise to the courage of publishers, this editorial does not contains any kids wear brand. No one.

It’s a pure style exercise, a personal research of beauty.

Last but not least, the picture with Chiara Brini got the magazine COVER!

Thanks to my team, Maddalena Montaguti and Antonella Gaglio, without whom wouldn’t been possible.

Thanks to the editors Beck Marshall, Deborah Sfez and Paul Peterson.

Thanks to the models too: Chiara Brini and Kristina Pimenova

Ph: Federico Leone

Styling: Maddalena Montaguti

Grooming: Antonella Gaglio

Models: Chiara Brini & Kristina Pimenova

Papier Mache Editorial by Federico Leone

Chiara Brini

Papier Mache Editorial by Federico Leone

Papier Mache Editorial by Federico Leone

This picture got the front cover of Papier Mache issue 10

Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone Papier Mache Editorial by Federico Leone

Editorial for Gioia magazine kids+dogs

Funny editorial with dogs and kids.

To manage dogs is definitely easier than manage kids!

————-

Divertente accoppiata di cani e bambini.

Comunque gestire i cani è molto più semplice che gestire i bambini!!

Ph. Federico Leone

Grooming: Laura Stucchi

Styling: Valentina Pedersini & Valeria Rossi

gioia editorial by federico leone

federico leone fotografo

federico leone fotografo

federico leone fotografo

gioia editorial by federico leone

gioia editorial by federico leone

Come nasce un servizio fotografico?

Sempre più spesso mi scrivono giovani aspiranti fotografi chiedendomi consigli, opinioni sulle loro prime foto e domande tecniche.

Pochi si chiedono la cosa più importante: –Cosa fa “funzionare” un servizio?–

Come nasce? Cosa c’è dietro?

Vediamo in dettaglio com’è nato l’editoriale che trovate in fondo al post scattato per Collezioni 03 Baby e uscito da poche settimane.

Innanzitutto, un servizio di moda nasce da un’idea “moda”.
Un certo stile messo insieme dal redattore/redattrice.

In base a questo si costruisce una storia e si pensa come realizzarla in pratica, entro i limiti dei propri budget e dei propri clienti.

Questo è il metodo che, in teoria, dovrebbe essere alla base di un buon editoriale di moda.

Banale??

No…non proprio.

Questa prima parte della progettazione può richiedere diverso tempo; ci vogliono competenze specifiche e gioco di squadra tra fotografo e redattore.

Nel caso del servizio portato ad esempio,  i primi scambi tra me e la stylist, Eleonora Cottafavi, (in questo caso stylist e redattrice sono la stessa persona) sono iniziati due mesi prima dello scatto.

Una volta appurato che l’abbigliamento richiamava un po’ il mare (ma non troppo) ci siamo scambiati alcune immagini di reference tra cui questa sotto, quella che per me è stata la più significativa: un servizio di Tim Walker per Vogue UK del maggio 2011 scattato in una casa di un villaggio abbandonato nel deserto, piena di sabbia.

ph. Tim Walker (Vogue Uk May 2011)

ph. Tim Walker (Vogue Uk May 2011)

 

Ok…quindi? Cosa mai fare?

Gli abiti da scattare semi-montati (“montare” in gergo significa assemblare i capi di diversi marchi che formeranno il servizio e i diversi look) giacevano sul pavimento del guardaroba di redazione e avevano un aspetto più o meno così:

 

capi del servizio collezioni 03 capi del servizio collezioni 03capi del servizio collezioni 03

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel deserto non potevamo arrivare.

Cercavamo una location che potesse regalarci un’atmosfera surreale, estiva e adatta ai bambini.

Il servizio era da scattare a metà novembre, quindi bisognava trovare qualcosa che ci aiutasse esteticamente senza far congelare i bambini.

Le email tra me ed Eleonora si moltiplicavano (ne ho contate circa 70 a cui aggiungere skype, what’s up, sms e telefonate).

Intanto, un’altra operazione fondamentale stava occupando il nostro tempo: la scelta del “materiale umano”, ovvero il casting. Centinaia di proposte provenienti da molte agenzie diverse.

Taglie, attitudine e qualità estetiche da far combaciare con i nostri gusti ma soprattutto con le esigenze estetiche del servizio che piano piano stava nascendo.

Mentre la ricerca dei bambini giusti continuava, Eleonora tirava fuori dal “cilindro” le foto di una casa.

Alcune delle immagini erano queste:

 

Forse la location giusta...

Forse la location giusta…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il corridoio mi aveva convinto subito...

Il corridoio mi aveva convinto subito…

...e riempirla tutta di sabbia??

…e riempirla tutta di sabbia??

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abbiamo iniziato i sopralluoghi e abbiamo concluso la nostra ricerca in questa enorme casa in centro a Modena: una casa di Giuliana Pavarotti, figlia del noto tenore.

La casa era sufficientemente vuota e molto calda.

Sfortunatamente era strutturata intorno ad un cortile interno e non entrava luce naturale diretta in nessuna ora del giorno. Mi sarei dovuto ingegnare per bene con le luci e fare “l’estate”.

Noi, folli, abbiamo anche pensato di  riempirla di sabbia ma con i nostri mezzi non potevamo farlo.

La sabbia è pesantissima, ce ne sarebbero volute tonellate e avremmo rischiato di rovinare pavimenti e pareti.

Cosa fare per esasperare la sottile follia che tanto piace ad entrambi e che caratterizza sempre i nostri servizi?

Dopo aver valutato di sostituire la sabbia con altri materiali (piume??? volano troppo… polistirolo??? poi sembra neve…è estate…) un’ideaccia ci ha subito convinti: ispirarsi all’arte concettuale di Christo, il folle artista “impacchettatore” francese (ha impacchettato persino qualche chilometro di Muraglia Cinese).

Esempio di opere di Christo

Esempio di opere di Christo

Eravamo finalmente pronti.

Lo scambio di email che dava un segno di svolta al processo creativo era questo:


 

Ahhahah!!! 
“Christo che estate” è favoloso!
Io stavo per scriverti: se vuoi le piume, cambiamo storia e li facciamo danzare!…ma la storia di Christo mi fa impazzire. …impacchetto di tutto, cose riconoscibili e non…e le spargiamo nei percorsi lungo la casa….
La Pavarotti (che ho incrociato stasera in giro) ci lascia andare il giorno prima a preparare tutto…. 
Sono ancora indecisa sullo styling…manterrò quello che pensavo ma meno esplicito verso il marinaio…vedremo
Inviato da Samsung Mobile

——– Messaggio originale ——–
Da: Federico Leone <> 
Data: 06/11/2014 22:59 (GMT+01:00) 
A: eleonora cottafavi <>,eleonora cottafavi <> 
Oggetto: momento di lucidità… 

Ciao Ele,

allora…riflessioni.
Propongo questo: lasciamo stare completamente piume, sabbia ecc. 
Concentriamoci sull’ambiente e io sulla luce soprattutto.
L’idea di seguire Christo secondo me è ottima ma va seguita con molta precisione.
Penso che si debba “impacchettare” tutto, niente escluso. Lampade da terra (quelle vicine al letto) comprese.
Per portare un minimo l’ambientazione verso il bambino, perché non inserire anche un piccolo tavolino, delle piccole sedioline (ci sono già mi sembra) , magari un triciclo, o anche paletta e secchiello ma tutto rigorosamente impacchettato!
Secondo me così torniamo verso quella (buona) strada del surreale, mantenendo pulizia e un tema preciso.
Nessun oggetto ci distoglie dai bambini e dai capi, ma tutti contribuiscono a dare uniformità alla storia.
In ultimo, budget e disponibilità permettendo: potendo punterei su un tessuto bianco sporco, tipo avorio/beige molto chiaro. Magari non il bianco. Mi piace che si impasti l’arredamento con il resto.
 Che ne pensi?
Approfitta di un mio raro momento di lucidità per fare domande!!! 
Buonanotte!
Fede
P.S. titolo del servizio: “Christo che Estate!!!” hahaha!!!

Bene… il più era fatto.

Bastava comprare chilometri di tessuto, impacchettare tutto, confermare i bambini, fare la luce perfetta e… click!

...il lungo lavoro di impacchettamento...

…il lungo lavoro di impacchettamento…

 

Questo è stato il risultato. -Sunny Goodbye- La storia di un gruppo di bambini che smontano tutto per lasciare la casa del mare a fine estate.  A me ricordava anche una specie di ospedale psichiatrico per bambini…e la cosa, non lo nascondo, mi esaltava! 😉

Il titolo finale, in realtà, è nato dopo aver scattato le foto. Secondo me indovinatissimo. Brava Eleonora e bravi tutti!

 SUNNY GOODBYE , Collezioni 03 Baby N°57 Primavera-Estate

ph: Federico Leone

Styling: Eleonora Cottafavi

Grooming: Fabio Cicerale

 

 

 

foto Federico Leone styling Eleonora Cottafavi

Sunny Goodbye Collezioni 03 Baby n° 56

foto Federico Leone styling Eleonora Cottafavi

Sunny Goodbye Collezioni 03 Baby n° 56

foto Federico Leone styling Eleonora Cottafavi

Sunny Goodbye Collezioni 03 Baby n° 56

foto Federico Leone styling Eleonora Cottafavi

Sunny Goodbye Collezioni 03 Baby n° 56

foto Federico Leone styling Eleonora Cottafavi

Sunny Goodbye Collezioni 03 Baby n° 56

foto Federico Leone styling Eleonora Cottafavi

Sunny Goodbye Collezioni 03 Baby n° 56

foto Federico Leone styling Eleonora Cottafavi

Sunny Goodbye Collezioni 03 Baby n° 56

foto Federico Leone styling Eleonora Cottafavi

Sunny Goodbye Collezioni 03 Baby n° 56